italy_mod_station

Denis Guerini “I Giorni Della Fionda”

marzo 1, 2013
1 commento

A cura di John Tag

I Giorni della Fiondaè il terzo ed ultimo album di Denis Guerini, un cantautore di Cremona che affonda le sue radici nei migliori esempi del cantautorato italiano e negli Chansonniers francesi.

Ha iniziato a 15 anni ad affacciarsi nel mondo della musica, suonando la batteria in uno dei tanti gruppetti rock, ma poi si spinge oltre, tentando la strada dell’etno rock con un gruppo chiamato Krosmos e del grunge con i Karnea. Ma è intorno al 2000 che la sua musica incomincia a maturare, avvicinandosi al jazz con l’ascolto Miles Davis e John Coltrane e facendo sperimentazione con il gruppo BettyBop nel 2003. Nel 2007 realizza Personaggi da Guardarail, nel 2009 L’Ultimo della Classee nel 2012  “I Giorni della Fionda.

Certamente Gaber, De Andrè, Ivano Fossati e Paolo Conte hanno influenzato non poco la sua arte, anche se non perde occasione per sottolineare il suo amore per il jazz attraverso l’uso di fiati che strizzano l’occhio ad una chitarra acustica usata in maniera più classica. Voce profonda e brani ispirati, musiche apparentemente semplici ma finemente arrangiate e i suoi testi criptici formano un’opera a tutto tondo, nata anche dall’esperienza teatrale dello stesso cantante, infatti alcuni dei 10 brani presenti nel disco hanno fatto parte, nel 2011, dello spettacolo “E’ facile smettere di essere ottimisti (se sai come farlo)”. Le sue parole e le sue melodie stimolano profondamente le sinapsi del nostro cervello, facendo tornare a galla ricordi gradevoli di antiche tradizioni, ma anche inconsce paure e oscure superstizioni. Riaffiorano calde atmosfere di una vita fatta di cose semplici, dimensioni lontane nel tempo, ma ancora presenti nella nostra infanzia o in nostre vite passate.

Da questo disco sono stati realizzati due video, la cui regia è di Elisa Tagliati:

“Luisa Sente le Voci”, in cui le immagini sottolineano la presenza di oscure e minacciose entità in un luogo di altri tempi.

L’Ipocondriaco“,dove con sottile ironia ed in maniera divertente viene rappresentata la nostra paura per la morte.

http://www.la-locomotiva.com/artisti.php?idArtista=37016

Tutte le band e gli artisti interessati ad ottenere recensioni e pubblicità sul nostro music blog possono scriverci ed inviare il materiale necessario (audio,video,foto,press kit,bio e links utili) all’indirizzo antipop.project@gmail.com ed essere così inseriti su Italy Mod Station!!!
Annunci

il ritorno Paolo Galimberti, cantautore monzese

febbraio 19, 2013
1 commento

Paolo Galimberti,il cantautore di Monza ci presenta il suo nuovo singolo

By Nana Arima

disco paolo galimberti

Una ballata rock a metà tra il sentimento ed il gioco: questo è “Drink”, il nuovo singolo, con cui Paolo Galimberti torna sulla scena musicale, disponibile su ITUNES (https://itunes.apple.com/it/album/drink/id496789395?i=496789399).

Se ascoltate questa canzone e continuate a canticchiarla come è successo a me, allora vi propongo di ascoltare l’intera discografia disponibile sulla fanpage di facebook dell’artista: http://www.facebook.com/#!/pages/Paolo-Galimberti/168624839858446.

paolo galimberti live

Il primo è l’album che prende appunto il suo nome: PAOLO GALIMBERTI, diffuso sul web nel 2006.L’album contiene sette tracce: Un pensiero al tramonto, Dedicata, Sexy Shop, Al di là dei giorni miei, Se andiamo incontro, Un altro mistero e L’ingranaggio.

Il secondo è P.S. – POST SCRIPTUM, uscito nel 2010.L’album contiene otto tracce: Nessun programma, Il silenzio, Nuove possibilità, Viaggio nel tempo fantastico, Andrà meglio, Di ottima fattura, Senza avere un rimedio, Non possiamo farci niente.

 Quello di Paolo, e del suo amico fidato e fratello Sergio, è un insieme di lettere dal destinatario apparentemente ignoto ma in realtà sono per chi vuole recepirle e soprattutto apprezzarle. Traccia dopo traccia si ripercorrono storie e racconti fatti di rock e di ballad british il cui perno centrale sono sicuramente i sentimenti, ora più forti e profondi ora più leggeri e gioiosi.Confesso che una volta ascoltato tutto non sono più riuscita a staccarmene e continuavo a canticchiarle praticamente ovunque, questa è senza dubbio l’arma vincente di Paolo, un sound orecchiabile che richiama senza dubbio le sue influenze musicali che vanno dai Beatles ai Rolling Stones passando per Nirvana, RHCP, AC/DC, Guns’n’roses e tantissimi altri. Sia il singolo che entrambi gli album sono a par mio degni di attenzione, adatti sia per gli amanti delle melodie soft che per le anime più rock.Scegliere una traccia è veramente difficile, ma se posso suggerirne una su tutte dico senza dubbio “DEDICATA”, in vista di San Valentino una bellissima e romanticissima ballad sull’amore puro, da dedicare appunto….Nana Arima

PER INFO: www.paologalimberti.it


The Junction da Padova -“Let me out!”

febbraio 5, 2013
1 commento
band padova

the junction

“Let me out!” è il disco d’esordio della band padovana The Junction, un trio formato da Marco Simioni alla voce e Francesco Reffo  (chitarra, batteria e tastiera) e da Alberto Bettin al basso. Promossi con tanto di lode nonostante questa sia la loro prima esperienza!!  I Junction hanno tutte le carte in regola per farsi apprezzare dal pubblico, grazie soprattutto alla freschezza e alla vivacità delle loro canzoni che  non risultano mai banali; anzi riescono a trasmettere una forte vitalità e tanta voglia di divertirsi in tutto il loro espandersi. Come un’ondata d’aria fresca questo disco si presenta fiero e deciso, e una volta schiacciato il tasto “play ” non c’è verso di stopparlo. Pezzo dopo pezzo, lo si ascolta tutto d’un fiato. Se di questi tempi sembra alquanto difficile trovare una band emergente  o un disco che sappia conquistare, ebbene non è il caso di “Let me out!”. I Junction di Padova , infatti, hanno ben capito come sfruttare le loro potenzialità sfornando della musica oltre che qualitativa, “reattiva”; quel tipo di musica  e di  songwriting che ti fanno esclamare: “Hey, hai sentito come suona naturale questo pezzo?”. Che dire…, un lavoro molto  ben riuscito, partendo dall’ interessante copertina ,,,sino al contenuto che s’impone forte e diretto.Di provenienza sicuramente indie rock con venature pop/punk, i Junction non sono molto lontani dal modo di intendere la musica e l’arte tipico dei più disparati  gruppi tipici  “made in British invasion”; hanno alle spalle già innumerevoli performance, oltre che un tour in Inghilterra e  varie partecipazioni a radio e TV shows.

band padovano

Il primo singolo estratto è “Allison”, track che trasmette una gran voglia di ballare e di cantare a squarciagola . Quello dei Junction è un disco divertente, probabilmente post-moderno,  che dà spazio a ritmi travolgenti come in “Your Answer” o in “Betus’ Dance” ; ma anche  a ballate più introspettive  come “Sleeping Dancer”. Il giusto  connubio tra riff frizzanti e ritornelli orecchiabili è la conferma che i Junction sanno quello che vogliono e sanno come lo vogliono proporre: divertirsi e far divertire allo stesso tempo, il tutto rigorosamente su uno sfondo  e un mood spiritualmente “very rock n’ roll”. Chiara Callegari


Arrivano gli Hot Dog della romana Agoge Records, sorpresa piacevole e spensierata

novembre 21, 2012
Lascia un commento

 

Sin da quando ho memoria la musica fa parte dei miei ricordi. Mi ha sempre evocato delle immagini. Quando, per la prima volta, collegate le cuffie al computer, ho ascoltato “My Generation” degli Hot Dog mi sono ritrovato più giovane di dieci anni; …esattamente mi ritrovo catapultato tra la fine delle scuole medie e l’inizio del liceo. Gli Hot Dog sono quattro ragazzi romani che dotati di passione e buona volontà sono riusciti a pubblicare “Death & Glory”, il primo album, l’ottobre scorso (dal quale sono tratti tutti e tre i brani disponibili in streaming sulla loro pagina facebook, e sul loro sito ufficiale http://hotdogband.yolasite.com/ ne è disponibile il download completo) . La band sta per uscire con il secondo disco, “Enemies” , previsto nel gennaio 2013 con Agoge Records, etichetta indipendente capitolina che sta sfornando varie band di un certo livello. Le sonorità di queste tracce mi hanno riportato in un adolescenza molto ben definitia: 12/14 anni ,Torino, si sentiva l’ House, la Techno, con i dj Gabri Ponte e Molinaro in testa, oppure si cercava di essere più innovativi e ribelli e allora si girava per le grandi catene di dischi il sabato pomeriggio alla ricerca di un gruppo punk rock….che tempi… Ovviamente non doveva eravamo troppo estremi…., gusti ancora troppo acerbi e i testi nemmeno li leggevamo….ed ecco arrivare a tredici anni, con la testa verso l’esame e il cuore per la più bella della classe, i dischi,(dopo oltre all’ormai storico “Enema of the State” dei Blink 182, “Americana” e “Conspirancy of One” degli Offspring, Does it look infected? dei Sum 41 o quelli di Simple Plan e Green Day. Insomma, il meglio del pop punk dell’epoca d’oro. Ed è proprio questa la categoria in cui rientrano brani come “Mine for a Night” e “Personal Disaster” dei romani Hot Dog. Un punk melodico che si allontana dalla componente “classica” del genere evitando urlati, intermezzi noise e distorsioni estreme, ma che infila nella costruzione della canzone sapori e soli simili a quelli del punk rock di mia formazione .. “My Generation” è il pezzo più accattivante: un brano critico, introdotto da una trombetta insolente, ha un’andatura saltellante, presenta un cantato che ricorda quello dei Gogol Bordello, singhiozzante e piatto, spezzato dal ritornello energico e dal successivo assolo. Un punk curato che risente di una buona produzione, particolarmente curato in alcune sue rifiniture, e quindi pop appunto, molto diverso da quello di gruppi storici italiani, come i CCCP, che facevano del DIY un modo di essere e di fare musica,; erano altri tempi…erano altri ambienti,,,,, Il lavoro degli Hot Dog è piacevole e spensierato, e se anche se non di grande innovazione (fatemi un nome negli ultimi dieci anni o’ signori della corte….), sarà una s bella sorpresa poterli ascoltare live! Provare per credere.    Cione

http://www.facebook.com/pages/Hot-Dog-Delicious-Punk/243243865709408


Il rock di Alesya è su ItalyModStation

ottobre 31, 2012
Lascia un commento
Alessandra Adabbo in arte “Alesya” è una cantautrice di origini pugliesi, ma da sempre vissuta in Emilia a Carpi (MO).
Nel 2000 conosce “Paolo Boffo”, il produttore artefice del lancio discografico di varie band italiane tra cui i Dirotta su Cuba, Statuto, e Joecool. Con lui inizia una lunga e proficua collaborazione, vengono riarrangiate varie canzoni che Alesya aveva scritto in precedenza e molte altre canzoni vengono alla luce. Il taglio,  la produzione, le sonorità  del progetto sono  decisamente pop/rock con uno sguardo interessato verso un songwriting pop più di carattere internazionale che nostrano.
A luglio insieme alla sua band ha realizzato tre nuovi brani in uscita a fine Settembre 2012 (che andranno a far parte del suo primo album), presso lo studio di registrazione La Barchessa Bolivar (ex Esagono) a Rubiera (RE) , sotto la produzione artistica di Marco Montanari e la supervisione di Claudio Morselli, (il tecnico che registrò presso l’esagono il vendutissimo album del Liga, Buon compleanno Elvis)


Benvenuti !

ottobre 3, 2012
Lascia un commento

Benvenuti su Italy Mod Station.Immagine

Blog sulla scena Mod italiana ed internazionale: recensioni, discografia, film, news, video, curiosità, aneddoti,

forum di discussione e molto altro……. “…moving  and learning ! “


    Blog che seguo

    Classifica Articoli e Pagine

    antipop.project@gmail.com

    blog agency here is

    Blobgramm

    Four Tramps su Classic Rock, by Blob :) Nasce Il taccuino - Ufficio Stampa per scrittori ed editori. #scrittori #libri  #instalibro  #recensionilibri  #ufficiostampa  #emergenti #editoria #respectforbarcellona È bellissima il mio amore?? #Ekatbork #morning #justkids Yeah Bridgend Release Party 19 Aprile @ Freak Out #bologna #freakout #concerti  #livebologna #freakoutbologna #blobagency #bridgend #postrockitalia #postrock #experimental #postrocknight Prova In diretta ore 22.01 su spreaker.com "A via degli orti so tutti morti?!?" #musica #indie #instamusic #bologna #viadegliorti #podcasting #diretta #emergenti #soundcloud #indipendenti #blobagency #band #bookingagency #pragency #emergenti #liveshows #concerti #unsigned #bologna #musica #indipendenti #ufficiostampa #releases #instamusic #soundcloud Suoni in una band? Amplifica la tua visibilità con Blob Agency! #band #emergenti #musica #indie #suoni #concerti #instamusic #blobagency #rock #livemusic #soundcloud #disco #promuovi

    Add to netvibes

    I heart FeedBurner

daffymum

Brindo a voi e a questa vita Pace amore e GIOIA INFINITA…

Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

unreliablehero

sempre eroi, mai perfetti

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

...Cilento Channel

l'informazione del cilento sul web e in tv canale 636 del digitale terrestre

JustAnotherPoint

Cerca nascondigli, ritrova taccuini, ha la testa fra le nuvole e il naso nei libri.

Versi Liberi

libri e altre follie

writing bad

si scrive... si legge...

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

V E R S O - spazio letterario indipendente

letteratura contemporanea e sperimentale, spazio dedicato alla ricerca e alle novità stilistiche

ragionandoci

cercando di comprendere, ragionandoci...

Voices of (extra) ordinary women

"Perchè le donne dovrebbero parlare delle donne"

arti, cinema, danza, libri, musica, teatro, video...

Trovafestival | La cultura in movimento

formavera

rivista di poesia e poetica

OutOut Magazine

Stilemi d'Avanguardie Culturali

Scrivo per noia

Non ho poi tutto questo tempo per pensare......o forse si.....

Liliana Marchesi

Ciò che ci rende unici è la libertà di essere noi stessi. Se ci tolgono questo... è come se ci condannassero a vivere nell'ombra della morte.

Leggere Distopico

Blog nato dal Gruppo Facebook dedicato al fantastico mondo della Distopia. Per scoprire e approfondire insieme i romanzi Distopici più belli che il panorama Letterario ha da offrire!

La Gallina Ubriaca

Il giornale degli studenti dell’Università di Verona

L'autentico Blog di Vittorio Baglioni

Pensieri, parole, opere e omissioni ......

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

The reading circle

blog dei gruppi di lettura mantovani

everythingismind

we can change the world, together as one.

Granchio Letterato

festina lente

Buffet Letterario

If you can dream it ... you can ... write it!

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Cinema Estremo

Sex Horror Violence Weird Drama | Recensioni Film e Serie TV

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: